Mister Web Mister Web

Presentazione del libro “La lingua teatrale di Emma Dante” di Anna Barsotti

il libro

Pisa – Drammaturga, regista, attrice, scrittrice: Emma Dante, palermitana dal respiro europeo, fondatrice nel 1999 della Compagnia Sud Costa Occidentale, è artefice di un teatro intimo e viscerale raccontato da una lingua siciliana atavica e sanguigna, dotato di una forze espressiva di grande vigore, non a caso rappresentato in tutta Europa con grande eco di critica e pubblico e premiato con i più importanti riconoscimenti, e svetta incontrastata tra le protagoniste del panorama teatrale contemporaneo. Proprio ad Emma Dante Anna Barsotti, docente di Discipline dello Spettacolo presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Pisa nonché autrice di numerosi saggi teatrali, con una particolare attenzione ai rapporti fra lingua e dialetto, ha dedicato la prima monografia critica, La lingua teatrale di Emma Dante, edita lo scorso anno dalla casa editrice ETS.

Il volume sarà presentato a Pisa sabato pomeriggio (10 aprile, ore 17), nella Sala Titta Ruffo del Teatro Verdi. Con l’autrice, interverranno Cesare Molinari, professore emerito presso il Dipartimento di Storia delle Arti e dello Spettacolo dell’Università di Firenze, fra i più eminenti storici europei del teatro e dello spettacolo; Salvatore Silvano Nigro, catanese, docente di Letteratura Italiana moderna e contemporanea presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, direttore editoriale della Casa editrice Sellerio, apprezzata firma delle pagine culturali dell’edizione domenicale del “Sole 24 Ore”; Stefania Stefanelli, ricercatrice di Linguistica Italiana presso la Scuola Normale Superiore e apprezzata collaboratrice dell’Accademia della Crusca.

Una monografia accurata, che analizza con attento rigore scientifico i tre spettacoli-rivelazione di Emma Dante; mPalermu (2001), Carnezzeria (2002) e Vita mia (2004), e insieme un libro double face: aperto da una premessa storico-semantica, che ricongiunge il caso Emma Dante ai precedenti paradossi artistici dei siciliani (da Verga a Sciascia, da Pirandello a Joppolo), La lingua teatrale di Emma Dante può essere letto anche a rovescio, laddove il racconto degli spettacoli, nel cui spazio visivo e sonoro il fenomeno teatrale si realizza, consente di rivisitare per continui richiami la drammaturgia “mobile” dei testi, mediante il confronto fra edizioni a caldo, copioni e riscritture per la stampa. Un’accurata teatrografia e una raccolta di foto di scena completano questo esauriente libro, capace di restituire – com’è stato annotato – “un quadro attento e al tempo stesso appassionato del risultato ‘storicizzato’ ma anche del modo di lavorare di questa regista e dei ‘suoi’ attori. L’ingresso è libero.

Be Sociable, Share!
Scritto da Redazione Pisa il 08 aprile 2010 nella categoria Arte e cultura, Eventi, PISA, Presentazione libri. Puoi seguire i commenti a quest'articolo tramite RSS 2.0 feed RSS. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito/blog.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento