Mister Web Mister Web

Il premio Nobel Hänsch alla mostra di Rosario al San Matteo

Pisa – “Viviamo in un mondo di luce…”, così l’inizio della motivazione del Nobel per la fisica nel 2005, il più recente di una serie legate alla luce laser.
Il cinquantesimo anniversario dell’invenzione del laser è ora occasione per una riflessione sulla luce e su come questa influenzi i colori che noi e l’artista “vediamo” in un opera d’arte. Al tempo stesso la fisica del laser si è spinta verso una determinazione sempre più accurata nella frequenza di un’onda  luminosa, il colore “obiettivo”.
I due mondi, solo apparentemente lontani, vengono coniugati nell’evento-mostra presso il Museo Nazionale di San Matteo a Pisa fino al 25 maggio.
L’artista Giovanna Rasario espone, come in una installazione, una serie di grandi e luminosi olii su tela. Complice è la luce che illumina. Il “Bianco” di una lampada è “Diverso” a seconda della temperatura, nuovi bianchi si sintetizzano partendo da pochi colori base.
L’estremo opposto è il colore “preciso” del laser. Ne parlerà il Premio Nobel Theodor Haensch, oggi alle 16,in una delle conferenze che accompagneranno lungo un mese la mostra.
Le frontiere dell’illuminazione verranno illustrate da Giancarlo Castoldi di Targetti ed Alessandro Farini (5 maggio). Il laser con il calcolatore elettronico ed il transistor simbolo della tecnologia moderna, è spunto per rappresentazioni artistiche delle intriganti leggi della meccanica quantistica nella conferenza di apertura (svoltasi il 24 aprile) di Serge Haroche. Inoltre il laser consente applicazioni di tutti i colori in medicina (Riccardo pratesi, 12 maggio), esplora simmetrie ed asimmetrie nel mondo fisico (Salvatore Califano, 19 maggio), Alain Aspect nella conferenza di chiusura (24 maggio), metterà in luce alcuni misteri degli atomi e dei fotoni.
L’articolata iniziativa al museo di San Matteo – che è stata promossa dalla sezione pisana della fidapa e realizzatasi grazie al sostegno del Comune di Pisa, di Ino-Cnr e Lens, è stata accolta con entusiasmo dal direttore Maria Burresi – “si inserisce nella settimana della cultura con un messaggio forte e unificante di mondi spesso considerati diversi e distanti – si legge in una nota – ed è completata da una serie di iniziative didattiche che mirano a creare curiosità per il bello della scienza e dell’arte”.

Be Sociable, Share!
Scritto da Redazione Pisa il 30 aprile 2010 nella categoria Eventi, Fiere e mostre, PISA. Puoi seguire i commenti a quest'articolo tramite RSS 2.0 feed RSS. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito/blog.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento