Mister Web Mister Web

Il Buonarroti come una centrale ad energia solare

Pisa – i ragazzi del Buonarroti ci credono davvero e i loro studi dimostrano che il progetto è realizzabile e conveniente: la loro scuola può trasformarsi in una centrale a energia solare nel bel mezzo della città, con pannelli fotovoltaici posizionati sul tetto del loro liceo, dell’istituto Santoni e della struttura della provincia, compresa la biblioteca provinciale.

“Il nostro è uno studio di fattibilità, ma con i dati ricavati, abbiamo verificato che ricoprendo queste superfici possiamo far fronte a metà del fabbisogno energetico totale dell’intero complesso Marchesi” spiegano i ragazzi.
Lo studio presentato al Buonarroti in occasione della “settimana scientifica” dedicata alle energie rinnovabili e ai cambiamenti climatici è stato realizzato dagli alunni della 4° G guidati dal professore di fisica Francesco Cappello e ha visto la collaborazione dell’amministrazione provinciale, che ha fornito i dati tecnici su cui lavorare, e dalla ditta di Surya Energy Enterprise, che ha dato un supporto operativo ai ragazzi.

Ma cosa dimostra lo studio realizzato dai ragazzi? Partendo dalla bolletta della luce dell’intero Complesso Marchesi, pari a 11.193€ al mese per un consumo annuale di 283 mila Kw/h, i giovani scienziati hanno dimostrato che, con un sistema fotovoltaico, si possono proburre 206 mila Kw/h in un anno, pari a quasi la metà dell’intero fabbisogno: se i pannelli si potessero installare anche sul tetto della piscina e della palestra si produrrebbe quasi tutta l’energia necessaria al complesso, ma le superfici non sono idonee all’installazione. L’impianto verrà a costare 990 mila euro, ma il risparmio sulla fattura sarà di 68400 euro, e per l’ambiente sarà di 480 tonnellate di CO2 in meno all’anno.

Be Sociable, Share!
Scritto da Redazione Pisa il 05 maggio 2010 nella categoria Attualità, PISA. Puoi seguire i commenti a quest'articolo tramite RSS 2.0 feed RSS. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito/blog.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento