Mister Web Mister Web

Pisa viva e vivibile

Pisa - Le scelte dell’Amministrazione sulla ZTL notturna e il susseguente patto con gli operatori commerciali per “Pisa viva e vivibile” sono arrivate al termine della concertazione con le organizzazioni del commercio Ascom e Confesercenti.
Una concertazione lunga e appassionata che alla fine, e dopo molte riunioni, ha trovato l’accordo per un provvedimento che cerca di conciliare i bisogni di chi fruisce o lavora nel nostro centro storico con quelli di chi nel centro vive .
L’introduzione della navetta  fino a tarda notte e gratuita dai parcheggi scambiatori con la ZTL sui Lungarni impedirà quei parcheggi selvaggi e quel circuito continuo di auto che li rendono più simili a un raccordo anulare che un posto per passeggiare e vivere la città.

Del resto, come in tutti gli altri periodi della giornata, chi vuole raggiungere gli alberghi in ZTL e quindi anche sui lungarni  può farlo con il sistema della segnalazione della targa, che rende immuni dalle multe registrate  dai varchi elettronici. L’accesso sarà dunque  per i clienti degli alberghi libero e consentito come ai residenti. Per il primo mese saranno i vigili a garantire la ZTL sui Lungarni, poi ci penseranno i varchi. Così come era stato deciso perché  ogni novità ha bisogno di un periodo di spiegazioni più che di sanzioni.

Poco si capiscono le rimostranze di Federalberghi anche sul metodo:
quando l’Amministrazione parla con Ascom e Confesercenti pensa di parlare anche con le varie categorie affiliate,  albergatori compresi.
Stessa cosa anche per le osservazioni sulla vicenda dei cartelli. Anche in questo caso si è affrontata la questione discutendo e molto fino a giungere a una soluzione condivisa da tutti che ha messo finalmente regola a una vera e propria giungla, dannosa per tutti.

Be Sociable, Share!
Scritto da Redazione Pisa il 10 maggio 2010 nella categoria PISA, Politica. Puoi seguire i commenti a quest'articolo tramite RSS 2.0 feed RSS. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito/blog.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento