Mister Web Mister Web

Giovani e disagio: “A scuola di accoglienza”

Fucecchio – Il recente convegno “A scuola di accoglienza”, promosso dal Comune di Fucecchio in collaborazione con gli istituti scolastici cittadini, si è rivelata un’opportunità per avvicinare il mondo scolastico a quello dell’associazionismo e del volontariato impegnato sui temi della disabilità e dell’integrazione.

Le associazioni che si occupano di giovani con problemi di disabilità intervenute nell’occasione (L’Albero delle bimbe,  Noi…da grandi, Famiglie H, Autismo Toscana) presentando le loro attività, ma anche le difficoltà nelle quali si trovano ad operare, hanno trovato terreno fertile per un confronto con la rete scolastica di Fucecchio, un insieme di istituti (Direzione Didattica, Istituto Comprensivo Montanelli Petrarca, Istituto Superiore Checchi)  impegnati da tempo a dare risposte in maniera organizzata e univoca al disagio giovanile, alla disabilità e all’integrazione.

L’obiettivo comune, come è emerso durante il convegno, è quello di creare dinamiche per l’accoglienza di questi bambini che necessitano di sostegno. Un’accoglienza che però non può fermarsi al solo percorso scolastico e che per questo motivo chiama in causa anche le istituzioni.

“Le famiglie che convivono con questi problemi – spiega l’assessore alla pubblica istruzione Emma Donnini – hanno bisogno di trovare intorno a loro un “territorio” che dia risposte concrete e che li sostenga nel loro impegno. La scuola è fortemente impegnata in questo intento e le parole pronunciate al convegno dal dott. Renzo Liccioli, responsabile integrazione alunni disabili dell’Ufficio Scolastico Regionale, ci confortano per i progetti futuri. Ma l’impegno in favore di queste famiglie deve essere a trecentosessanta gradi. Il sostegno non può fermarsi al percorso scolastico, ci vuole anche una presa di coscienza forte da parte del mondo del lavoro che può e deve favorire un inserimento di questi ragazzi. Le istituzioni devono essere in prima fila in questa battaglia e la presenza al convegno del dott. Paolo Bruschi, responsabile area formazione del Circondario Empolese Valdelsa, è stata molto significativa in questo senso”.

Be Sociable, Share!
Scritto da Redazione Pisa il 29 aprile 2010 nella categoria Attualità, Politica, VALDARNO. Puoi seguire i commenti a quest'articolo tramite RSS 2.0 feed RSS. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito/blog.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento