Mister Web Mister Web

FERRARO: “La sinistra si sta arrampicando sugli specchi per trovare qualche elemento di critica alla manovra finanziaria”

San Miniato – “Da alcuni giorni la sinistra si sta arrampicando sugli specchi per trovare qualche elemento di critica alla manovra finanziaria del Governo, la quale è bene ricordarlo ha un importo minimo rispetto a quelle degli altri paesi europei, segno che l’Italia, grazie anche al governo Berlusconi, si trova in una situazione finanziaria ed economica assai migliore degli altri paesi.

In questa  forsennata azione di ricerca del pelo nell’uovo, la sinistra ha trovato anche il verso di criticare le pressanti previsioni contenute nella manovra volte a contrastare la evasione fiscale. Su questa materia gli oppositori in servizio permanente effettivo non sapendo come confezionare le obiezioni al Governo hanno inventato la  critica “morale”. Il Governo cioè non avrebbe le carte in regola per dichiarare guerra alla evasione poiché in passato l’avrebbe incoraggiata.

Tale affermazione è falsa e insensata e  le azioni del Governo Berlusconi a contrasto della evasione parlano chiaro e provano l’esatto contrario.

Con la legge 311/2004 (legge finanziaria del 2005) è stato previsto che il Fisco, contrariamente a quanto previsto fino a quel momento, possa chiedere a banche, poste e altri intermediari finanziari,  dati e notizie relative a qualsiasi rapporto con la clientela. Non più quindi solo notizie su operazioni legate ai conti correnti, ma notizie e documenti su tutte le operazioni effettuate, comprese quelle fuori conto. Quindi l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza possono chiedere agli istituti finanziari qualsiasi informazione bancaria e documenti relativamente  ai contribuenti sotto indagine. Con la legge in questione è scattato anche l’accertamento tramite posta elettronica certificata,  riducendo così notevolmente i tempi di risposta degli intermediari finanziari a cui il Fisco chiede informazioni. La procedura telematica oltre a ridurre i tempi di risposta  consente di ampliare in maniera esponenziale la capacità di indagine e il numero degli accertamenti dell’Autorità fiscale, con  le conseguenze che è facile immaginare.

E’ appena il caso di rilevare che le importantissime innovazioni introdotte dalla legge 311/2004 hanno portato negli anni successivi ad un forte incremento delle somme ricavate dalla lotta alle evasione.

Recentemente il Governo italiano si è fatto parte attiva nella azione internazionale volta ad annullare i cosiddetti paradisi fiscali. Questi sono i fatti.

Comunque vogliamo ricordare alla sinistra – a quella sinistra che parla, parla ma non ha mai avuto il coraggio di eliminare il segreto bancario – che il responsabile economico del PD  Stefano Fassina ha scritto sull’Unità che “l’evasione  non è solo patologia, purtroppo è anche fisiologia, condizione di sopravvivenza di una parte consistente del lavoro autonomo”. Riflessione sacrosanta, ma che è certamente più forte delle considerazioni fatte in proposito dal Presidente Berlusconi”.

Be Sociable, Share!
Scritto da Redazione Pisa il 05 giugno 2010 nella categoria Politica, VALDERA. Puoi seguire i commenti a quest'articolo tramite RSS 2.0 feed RSS. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito/blog.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento