Mister Web Mister Web

I genitori degli studenti: “Unire le prime del ‘Carducci’ e del ‘Falchi’ per scongiurare la chiusura”

Montopoli val d’Arno – Sabato 12 giugno nell’aula magna dell’istituto ‘Falchi’ a Montopoli Val d’Arno si è svolto il consiglio comunale aperto per discutere sul futuro dello storico istituto sociopsicopedagogico. Sono intervenuti il sindaco Alessandra Vivaldi, l’assessore provinciale Miriam Celoni e il preside Sandro Scapellato, il quale ha richiamato le famiglie dopo la loro protesta del 5 giugno. Il dirigente scolastico aveva prima comunicato di non poter autorizzare l’iscrizione alla prima classe, per poi riferire ai genitori di aspettare fino alla fine degli scrutini.

Al consiglio comunale molti gli interventi, ma il più significativo è stato quello dei ragazzi che studiano al ‘Falchi’ per ribadire che la scuola funziona ed è ben impostata. Dopo aver rimesso in risalto le qualità di questo istituto, i ragazzi hanno anche lanciato un accorato appello ai ragazzi affinché si iscrivano al liceo montopolese.

Ad oggi la situazione per la prima classe del 2010/11 è di 14 iscritti regolari più 2 intenti d’iscrizioni più 2 eventuali ripetenti. Questo però è un organico non di fatto perché dopo gli scrutini la situazione potrebbe cambiare come negli anni passati con altre adesioni e il raggiungimento di 20 iscrizioni. Anche al ‘Carducci’ di San Miniato ad oggi pare che ci siano solo 17 iscritti alla prima e le famiglie degli studenti, considerato il fatto che la biblioteca del ‘Carducci’ è stata trasferita al ‘Falchi’ per mancanza di spazi, hanno proposto il trasferimento del liceo sanminiatese a Montopoli, dove ci sono aule vuote. “Niente cambierebbe al polo di San Miniato e si salverebbe l’istituto”, dice a tal proposito una madre del comitato impegnato nel salvare la scuola.
I genitori infine lanciano un appello per i prossimi anni: “Se si  riuscirà a fare la prima classe, dobbiamo pensare al futuro di questa scuola perché non si ripeta più questa situazione negli anni prossimi e fra le tante proposte dei consiglieri intervenuti occorre la formazione di un polo scolastico per aumentare le risorse e lo sviluppo di questo istituto. Ora dobbiamo solo aspettare e dopo gli scrutini vedremo quale sarà il destino di questa scuola. Certo noi non staremo fermi a guardare e ci batteremo fino all’ultimo”.

Be Sociable, Share!
Scritto da Redazione Pisa il 15 giugno 2010 nella categoria Attualità, Prima Pagina, VALDARNO. Puoi seguire i commenti a quest'articolo tramite RSS 2.0 feed RSS. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito/blog.
Be Sociable, Share!

Lascia un commento